Society of Illustrators a New York - Exhibit

Oggi vi parlo di una cosa che non riguarda strettamente NewYorkDisegnata: nessun disegno dal vero o sketchbook per questa volta, ma una mia illustrazione realizzata con tecniche digitali e poi stampata e incorniciata si trova attualmente in esposizione a New York... Ecco i dettagli:

Venerdì sera alla Society of Illustrators di New York City c'è stata l'inaugurazione della Mostra members opening "Food fight!" alla quale ho avuto il piacere di partecipare con una ricetta illustrata del mitico ed eterno #Tiramisù! Se passate da #NYC non potete perderla, la mostra rimarrà esposta fino al 30 dicembre. È stata una stupenda serata, grazie alla Society e alle persone che ho incontrato stasera. La Society si trova in Upper East Side, all'angolo tra 63rd street and Lexington Avenue (fermata della linea F e Q della subway), in una zona bellissima dove passeggiare anche per ammirare i palazzi e le town houses (e a due passi c'è Central Park).

Vi lascio qui qualche foto dell'evento da vedere. Potete trovare maggiori dettagli del mio lavoro qui su instagram: valeriafru.

Trovare una spiaggia dog-friendly a New York

Trovare una spiaggia dog-friendly a New York è praticamente impossibile. Dalla primavera fino all'inizio dell'autunno nessun cane è ammesso sulla sabbia e spesso nemmeno lungo la passeggiata che costeggia la spiaggia. Ahimè, è così. L'estate scorsa, avendo un cagnolino che adora andare in spiaggia, abbiamo cercato e cercato e cercato per trovare un posto dove andare. Alla fine, tra siti e consigli, abbiamo trovato Gerritsen Beach. Anche qui non è permesso portare cani, ma essendo un posto frequentato solo da locali e praticamente abbandonato a sé stesso alla fine tutti i proprietari di cani che se la sentono di fare il viaggio vanno lì! La spiaggia non è per niente bella, lo devo ammettere. Però la gita è stata divertente perché ci siamo inoltrati in zone sconosciute e alla fine abbiamo passato un bel pomeriggio, con Olivia che correva e giocava finalmente felice di scavare buche nella sabbia in libertà. Il bagno non lo abbiamo fatto: un po' perché faceva freddino e un po' perché l'acqua sembrava lagunare... Ma una cosa davvero meritava. La vista, da un angolo della spiaggia, rivelava in lontananza la presenza di Manhattan. Troppo lontani per percepirne il rumore ma abbastanza vicini per ammirarne il fascino. Così l'ho disegnata, perché il mio sketchbook ce l'ho sempre in tasca, non si sa mai.

 

GerristenBeach-ValeriaFrustaci.jpg

Camminare nei parchi di New York

Non c'è solo Central Park a New York! La città e i suoi quartieri hanno molti altri parchi, più o meno piccoli, tutti da scoprire. Io non li ho ancora visti tutti, ma spero presto di poterli visitare uno ad uno.

Se vi piace l'idea e siete bravi esploratori vi consiglio di cercare qualche informazione su NYC PARKS, dove troverete la lista completa di tutte le aree verdi, le attrezzature, gli indirizzi e gli eventi in corso. Divertitevi a perdervi per la città e a scoprire angoli che solitamente sono fuori dalle mete turistiche più conosciute: non rimarrete delusi! Tutte queste aree hanno sempre prati verdi, aree ristoro, laghetti, panchine e sono godibili da tutta la comunità: sono pulitissimi e curati.

Uno di quelli più particolari che vorrei proporvi è l'High Line. Si trova nel quartiere di Chelsea e si tratta di un parco sopraelevato in mezzo ai grattacieli cittadini. Nato intorno agli anni '30 come linea ferroviaria per trasportare merci e beni nella zona industriale, è stato recentemente ristrutturato e riportato a nuova e sfolgorante vita come parco cittadino e luogo per splendide passeggiate. Vicino trovate anche il Chelsea Market: non lasciatevelo scappare! (Posso ufficialmente classificarlo come mio secondo posto preferito a New York).

Se poi volete provare l'ebbrezza di un volo tra i grattacieli vi consiglio di andare all'angolo tra 60th Street e 2nd Avenue e prendere la funicolare che vi porterà in pochi minuti su Roosevelt Island: prendete la macchina fotografica con voi perché avrete la possibilità di vedere Manhattan dall'alto e vi assicuro che ne vale proprio la pena. Roosevelt Island è una piccola isola in mezzo all'East River, lunga 3 chilometri, attualmente luogo di residenza della sottoscritta. Si tratta di un angolo di pace a pochissima distanza dalla città e a sud potrete visitare un parco nuovo e bellissimo: Four Freedom Park. Da qui divertitevi a indovinare i più famosi grattacieli di New York: si vedono benissimo tutti!

Se volete proseguire la passeggiata potete andare a nord dell'isola dove troverete il Lighthouse Park con il suo famoso faro costruito nel 1872. Vi consiglio di avere con voi un telo e di sdraiarvi per un sonnellino ristoratore all'ombra di un albero: giusta ricompensa dopo una giornata da turista!

Qui un paio di disegni fatti durante le mie escursioni nei parchi di New York City.

 

 

 

 

 

 

CentralParkview.jpg
RooseveltIsland.jpg

Liberty Island & Ellis Island

Quasi tutti i turisti che vengono la prima volta a New York City vanno a visitare Liberty ed Ellis Island. Io l'ho fatto già tre volte! Senza nulla togliere al fascino delle isole, della statua della Libertà e del Museo dell'immigrazione, alla terza volta ho deciso che invece che visitarli mi sarei fermata a disegnare. Perché da queste due isole si gode di una vista bellissima su Manhattan!

Ci sono prati curatissimi e alberi ai quali appoggiarsi, c'è sempre una piacevole brezza che d'estate non guasta mai e il mare intorno. Mentre aspettavo che i miei amici facessero la loro visita ecco quello che ho fatto io con il mio taccuino:

Se volete visitare queste due isole, l'unico modo è andarci in traghetto. Ricordatevi che le file sono spesso molto lunghe quindi è consigliabile prenotare i biglietti almeno il giorno prima per evitare code alla biglietteria (le imbarcazioni partono da Battery Park se soggiornate a New York City, altre opzioni dal New Jersey). Buon divertimento!

 

Central Park

Il mio posto preferito a New York è Central Park. Forse non è molto originale come scelta ma non importa: al suo interno ci sono altri mille luoghi da scoprire ed ogni volta ci si imbatte in angoli che non si conoscevano. Col cambio delle stagioni muta e assume una personalità sempre diversa, ma vale la pena tornarci perché ti riempie gli occhi e lo spirito di energia e poesia. Per me rappresenta anche un luogo rifugio, quando la città urbanizzata inizia a soffocarti (succede a molti) e però non puoi meditare una fuga altrove, allora ti concedi una passeggiata esplorativa tra i sentieri di Central Park e per un'ora ritrovi un contatto con la natura che pensavi ormai perso per sempre.

È una infinita risorsa per chi vuole disegnare: potrete sempre trovare qualcosa di nuovo e interessante da riportare sul vostro album da disegno. Incontrerete non di rado colleghi disegnatori che come voi cercano la panchina o il pezzetto d'erba più comodo per iniziare a buttar giù uno schizzo di quel panorama. Ci sono veri e propri gruppi di disegnatori che ogni mese si incontrano (alcuni anche ogni settimana, se venite qui in vacanza potete unirvi a loro!) e per qualche ora condividono spazio e tempo e disegnano. Questo il link dove trovare gli appuntamenti settimanali degli Urban Sketchers di New York City: NYC Urban Sketchers

Qualche mese fa ho partecipato ad un incontro settimanale ed ho scoperto il Conservatory Garden (dentro Central Park): una perla di bellezza, col vantaggio di non essere particolarmente affollato perché meno conosciuto di altre mete. Ecco qui qualcuno dei disegni fatti in quella splendida mattinata...

 

 

 

Volti, persone, disegni

Da quando ho la possibilità di camminare per le strade di New York mi stupisco di quante persone di ogni provenienza e tipo ci siano qui, che camminano accanto a me o mi siedono a fianco in metropolitana. Ancora non mi sono abituata... nel senso che mi meraviglio sempre e mi rallegro dell'infinità di tratti e fisionomie che esistono e si concentrano tutte in questo luogo, dandomi l'opportunità di disegnare e fermare su carta qualcosa di loro. È come avere a disposizione una biblioteca di visi e corpi e colori e vestiti. Qualche volta mi siedo, apro il mio taccuino e li disegno. Per lo più sono schizzi veloci, di persone che camminano e si muovono velocemente per la città ma che mi colpiscono per qualche motivo. Ogni tanto con un pizzico di fortuna trovo qualcuno che mi fa da modello inconsapevolmente, perché si è addormentato sulla carrozza e così ho del tempo in più per ritrarlo.

Un ragazzo incontrato a Central Park

Un ragazzo incontrato a Central Park

Un signore addormentato in metropolitana

Un signore addormentato in metropolitana

Una ragazza in treno pronta per andare verso le spiagge

Una ragazza in treno pronta per andare verso le spiagge

New York Disegnata: cos'è?

newyorkdisegnatamela.jpg

New York disegnata nasce dal desiderio di descrivere questa città e ciò che la circonda attraverso una matita e dei colori, un quaderno e fantasia quanto basta.
A spasso per la città, cercando di scoprirne i lati nascosti o andando a vedere le cose più famose, con penna e colori cerco di descriverla disegnandola. Una sorta di guida disegnata della grande mela, in divenire, giorno per giorno. Quasi un diario, con l'unico filo logico del desiderio di disegnare a guidarmi.